Home / Prodotti della ricerca / Strumenti della ricerca

Strumenti della ricerca

Questionari

Metodologia per ricognizione e analisi degli aspetti linguistici e socioculturali

RiUscire ha usato una metodologia basata su un approccio partecipativo mirato a produrre buone pratiche indirizzate a recepire i bisogni formativi di gruppi di apprendenti a rischio di esclusione sociale (detenuti stranieri) e di tutti coloro che con essi si relazionano per le loro attività professionali (doceni e operatori penitenziari), trovandosi a gestire la diversità linguistica e culturale. La ricerca condotta è stata realizzata per raggiungere questo obiettivo. Gli strumenti di ricerca sono tre diversi questionari a risposta chiusa somministrati a detenuti, docenti e operatori. Ogni questionario si compone di 30 – 36 domande.

Questionario detenuti. I questionari per detenuti mirano a descrivere i repertori linguistici dei detenuti stranieri. Contengono 30 item nella sezione generale riguardanti dati socioanagrafici e domande che elicitano autodichiarazioni sugli usi e le competenze linguistiche più 9 item della sezione Lingua e lavoro dal momento che si intende promuovere la formazione linguistica mirata al reinserimento professionale. La sezione Lingua e lavoro comprende item di particolare interesse per la presente ricerca che riguardano i settori di esperienza lavorativa nel Paese di origine, in altri Paesi e in Italia e includono anche la valutazione dell’importanza della conoscenza dell’italiano per lo svolgimento dell’attività lavorativa. Infine, una domanda richiede di valutare la cultura italiana al lavoro e altre due l’utilità di seguire un corso di italiano finalizzato alla formazione di competenze da utilizzare in ambito professionale e di motivare la risposta con il tipo di aiuto che l’intervistato reputa possa riportare in termini di comunicazione.

Questionario operatori. È costituito da 25 item: sono innanzitutto domande per rilevare l’identità e la formazione dell’operatore, si passa quindi a chiedere quali sono le modalità comunicative utilizzate con i detenuti, quali allocutivi vengano impiegati e quali lingue ma soprattutto quali sono i comportamenti tenuti in caso di mancata comprensione da parte di questi ultimi e a quali strumenti si ricorra per facilitare le interazioni. Una ulteriore sezione è dedicata agli aspetti culturali e alla valutazione dell’utilità della loro conoscenza per migliorare le attività lavorative.

Questionario docenti. Il questionario docenti contiene 30 domande. Le domande erano finalizzate a rilevare l’identità professionale dei docenti nell’ambito dell’ L2 (D1-D8: dati personali, titolo di studio, conoscenze linguistiche, esperienze di insegnamento a stranieri); a inquadrare le caratteristiche delle loro azioni didattiche, delle relative problematiche e l’ambiente classe (D9-D20: uso di materiali, didattizzazione di testi, rapporto con gli studenti e gestione dei flussi comunicativi); a conoscere il grado di motivazione e frequenza ai corsi istituzionali da parte dei detenuti stranieri (D21-D28: classificazione delle  difficoltà, tipologia motivazionale, fattori di disturbo o di stimolo alla didattica).

Questionario sottoposto ai detenuti
Italiano (Italia)
Francese (Francia)
Tedesco (Germania)
traduzione della versione tedesca in altre lingue: Francese Inglese Rumeno Russo
Portoghese (Portogallo)
Questionario sottoposto agli insegnanti
Italiano (Italia)
Francese (Francia)
Tedesco (Germania)
Catalano (Spagna)
Portoghese (Portogallo)
Questionario sottoposto agli operatori penitenziari
Italiano (Italia)
Francese (Francia)
Tedesco (Germania)
Catalano (Spagna)
Portoghese (Portogallo)

Buone pratiche

(per tutti i paesi)
Top